Inferno - Canto XIV

Dante giunge insieme a Virgilio nel terzo girone del settimo cerchio, che si presenta come una landa riarsa sulla quale cade una pioggia di fuoco. Sono qui condannati i violenti contro Dio, contro la natura e contro l’arte: bestemmiatori, sodomiti, usurai. Tra i bestemmiatori, l’attenzione di Dante è attirata da un dannato che inveisce sprezzante contro Giove: è Capaneo, uno dei sette sovrani ad assalire Tebe, che secondo il mito osò sfidare il re degli dei e che per questo morì colpito da un fulmine divino.